Piante tintorie

Le piante che forniscono colori naturali, da secoli utilizzati per tingere le stoffe

Piante tintorie: Cosmos sulphureus

Per tingere le fibre naturali in tutte le gradazioni del giallo c'è Cosmos sulphureus, una margherita utilizzata da secoli per i bei colori caldi

Piante tintorie: il noce

Come tingere vari tipi di tessuti attraverso le diverse parti dell'albero del noce, ottenendo diversi colori molto stabili

Piante tintorie: il mirtillo

Con i frutti del mirtillo vero (non quello gigante americano) è possibile tingere i tessuti ottenendo sfumature che ricordano quelle delle bacche

Piante tintorie: il melograno

Come tingere lana e cotone con un colorante naturale ricavato dal melograno

Piante tintorie: l’alkanna

Con l'alkanna si possono tingere sia i corpi, per esempio con l'henné, sia le stoffe. Ecco la ricetta e i consigli per la tintura

Piante tintorie: la robbia

La robbia è una pianta tintoria utilizzata nei secoli passati per tingere lana e cotone di colore rosso. Ecco la ricetta per la tintura

Piante tintorie: l’edera

Con l'edera, con le foglie e con le bacche, è possibile ottenere tinture nei toni del verde. Ecco le ricette per tingere le stoffe

Piante tintorie: la reseda e le altre

Parecchie sono le piante tintorie: dal guado alla robbia, con particolare attenzione per la reseda, che dà il giallo. E poi le piante spontanee...

Piante tintorie: il cartamo

Il cartamo o zafferanone bastardo fin dall'antichità si usa per tingere le stoffe di giuallo, arancione, rosso. Ecco le ricette per ottenere i colori

Piante tintorie: il guado

Il guado è una pianta tintoria da cui si ottiene un particolare colore blu. Ecco la ricetta per tingere le stoffe e i tessuti

Seguici

42,751FanMi piace
2,386FollowerSegui
32,600IscrittiIscriviti

In evidenza

css.php