Il giardino va curato ogni giorno e necessita di mille attenzioni. Ogni periodo dell’anno ha le sue peculiarità, scopriamo i lavori da fare a novembre.

Per curare il vostro giardino, durante il mese di novembre, indipendentemente dalla sua posizione è necessario seguire una serie di step. Ci sono anche attrezzature da installare e altre da rimuovere fino alla primavera successiva. Ecco gli step da seguire:

  • Annaffiate leggermente i sempreverdi messi a dimora negli ultimi 12 mesi, se non piove per un mese.
  • Terminate la protezione delle piante meno rustiche, avvolgendole con teli di plastica pluriball o non tessuto.
  • Completate la pacciamatura al piede delle piante meno rustiche o appena messe a dimora, utilizzando foglie secche, paglia, sfalcio d’erba, oppure corteccia o iuta, fermando il tutto con pietre, legnetti o altri pesi.
  • Dalla Val Padana in giù, entro fine mese terminate le piantagioni o gli spostamenti di alberi, arbusti ed erbacee perenni, ma anche dei bulbi a fioritura tardo invernale e primaverile.
  • Se non avete provveduto in ottobre, effettuate l’ultima potatura sulle siepi sempreverdi, a inizio mese.
  • Continuate la raccolta di foglie e detriti vari che cadono a terra sporcando pavimenti e vialetti e riempiendo le aiuole.

Lavori in giardino: il roseto

  • Man mano che cade il fogliame, raccoglietelo con cura e smaltitelo tra i rifiuti organici: ridurrete le infezioni di macchia nera e oidio, nonché le infestazioni di afidi e tentredini la primavera prossima.
  • Non fatevi tentare dagli ultimi boccioli: se li tagliate pensando di farli aprire in casa nell’acqua, avrete un’amara sorpresa. I petali si seccheranno senza aprirsi ma incartapecorendosi, oppure daranno un timido accenno d’apertura e poi cadranno. Meglio godersi i bocci “pietrificati” sulle piante fino a gennaio-febbraio!
  • Continuate a togliere gli ultimi fiori sfioriti e tagliate anche i frutti che non risultano decorativi (danneggiati, troppo piccoli ecc.).
  • Finché il terreno è apribile, potete continuare a mettere a dimora i nuovi rosai, tranne che sulle Alpi, dove è comunque preferibile aspettare il mese di marzo.

Lavori in giardino: il prato

  • Se notate zone diradate, nel Sud Italia è il momento giusto per effettuare una trasemina, mescolando una semente facile e veloce (per es. Lolium) con uguale quantità di sabbia.
  • Sempre nel Sud Italia all’inizio del mese effettuate l’ultimo taglio di stagione, piuttosto alto per non indebolire l’erba in vista dell’inverno.
  • Dopo il taglio spargete per l’ultima volta un buon concime granulare a lenta cessione per tappeti erbosi con prevalenza di potassio e fosforo rispetto all’azoto.
  • In tutta Italia, finché non gela, asportate tempestivamente le foglie cadute prima che marciscano rovinando l’erba.
  • Se gli steli ghiacciano, non camminate sul manto erboso: li spezzereste, rovinando l’erba per la primavera e creando una porta d’ingresso per le malattie fungine.

Lavori in giardino: il laghetto

  • All’inizio di novembre ponete nell’acqua alcuni oggetti galleggianti: bidoni vuoti e tappati, bottiglie vuote e tappate, grossi pezzi di polistirolo, palloni ecc. collegati a riva mediante una corda robusta. Servono a evitare che la superficie ghiacci del tutto e, all’occorrenza, devono essere temporaneamente rimossi per dare ossigeno a pesci e piante se c’è uno strato gelato.
  • Non battete sul ghiaccio per romperlo se avete i pesci, perché le vibrazioni li disturbano molto. Piuttosto, in un angolo a riva, versate lentamente una pentola d’acqua bollente.
  • Sul fondo lasciate cadere qualche coppo o tubo di plastica che possano fornire una tana per i pesci.

Lavori in giardino: in montagna

  • Acquistate qualcosa di colorato ed economico, da esterni (es. crisantemi, cavoli ornamentali, eriche, ciclamini), con cui creare allegre cassette, ciotole e fioriere.
  • Potate, in giornate tiepide e asciutte, alberi e arbusti che hanno perso le foglie.
  • Se dovesse nevicare sulle sempreverdi o su piante ancora in foglia, scuotete subito la neve, troppo pesante in questo periodo e pericolosa per l’integrità dei rami.
  • Controllate le piante ricoverate in cantine, soffitte e stanze fresche, eliminando le foglie secche e incominciando a potare i rami secchi o malati. Accertatevi che non vi siano malattie fungine o parassiti.
  • Controllate anche i bulbi, tuberi ecc. estratti dal terreno e conservati in cassette in cantina: ora devono essere perfettamente asciutti e privi di marciumi o muffe. Togliete dalle cassette le tuniche esterne secche, nonché eventuali residui di vegetazione secca.
  • Fate ordine nell’armadietto dei fitofarmaci, controllando cosa avete e in che quantità, e segnandovi ciò che manca o sta finendo, da ricomprare la primavera prossima.
  • Eseguite lo stesso controllo sui sacchi di terriccio e di concime: in marzo saprete già cosa dovrete acquistare e cosa invece non vi serve ancora.

Lavori in giardino: al mare

Durante le giornate tiepide, nelle ore centrali, potate arbusti e rampicanti a fioritura estiva che hanno bisogno di una regolata.

  • Approfittate della potatura, che libera tralicci e pergolati, per controllarne la stabilità, soprattutto in relazione al forte vento di tramontana.
  • Nei giorni più tiepidi, mettete a dimora alberi, arbusti e perenni per la prossima stagione, e i bulbi primaverili.
  • Se non piove a sufficienza, fornite un goccio d’acqua ad alberi, arbusti e perenni appena piantati, e ai bulbi a fioritura primaverile appena messi a dimora.
  • Se non l’avete fatto all’impianto, create attorno ad alberi e arbusti giovani una conca di 1 m di diametro per trattenere l’acqua d’irrigazione e piovana.
  • Siete ancora in tempo per la somministrazione di concime organico (stallatico secco) al piede degli arbusti da fiore: irrigate leggermente dopo l’apporto.
  • Riparate in veranda, sul pianerottolo o in un altro locale fresco tutte le piantine ottenute per talea durante l’estate.
  • A metà novembre potrete seminare un nuovo prato, dopo aver preparato il letto all’inizio del mese.
  • Nello stesso periodo eliminate le annuali ormai a fine ciclo, eventualmente dopo aver raccolto i semi.

Arredo giardino: cosa portare in cantina o nel magazzino

  • L’inizio del mese è l’ultima chiamata per smontare tutti gli impianti d’irrigazione esterni, da terrazzo e da giardino, svuotando bene i tubi, riponendoli puliti e in ordine, staccando la centralina e chiudendo il rubinetto dopo aver svuotato l’impianto.
  • Se non avete già provveduto in ottobre, ripulite e riponete al chiuso tutti gli attrezzi manuali e a motore che pensate di non utilizzare durante l’inverno.
  • Lo stesso discorso vale anche per vasi, sottovasi, portavasi ecc. Svuotateli delle piante morte e del terriccio, lavateli con una spazzola a setole rigide e poneteli ad asciugare su un bancale. Quando saranno ben asciutti, impilateli e riponeteli in cantina o in magazzino.
  • Rigirate il compost, eventualmente aggiungendo un prodotto acceleratore di compostaggio, che aiuta il processo nel periodo freddo.

Arredo giardino: smontare l’arredamento outdoor

  • Se ancora non lo avete fatto, oppure nel Sud Italia dove la stagione è alla fine, ripulite e smontate gli arredi da esterno che non utilizzerete durante l’inverno, coprendoli e riponendoli al chiuso.
  • Se pensate di inserire o sostituire strutture importanti come pergole, gazebi, tende, ombrelloni, divani, tavoli e sedie ecc., questo è un ottimo momento. Tutte le aziende di arredo outdoor e accessori, e molti rivenditori come i maggiori garden center, ora effettuano i saldi di fine anno. Il risparmio può anche essere del 50%. Fate un giro su internet e nei punti vendita.
  • Pianificate gli interventi di ristrutturazione, per esempio delle pavimentazioni, o la creazione di nuove strutture come il carbox o il barbecue. Se vi muovete ora nella richiesta dei preventivi, i lavori potranno essere fatti in inverno, senza impedire la fruizione del giardino o danneggiare troppo le piante.
  • Approfittate dell’ultimo sole per fare manutenzione sulle strutture fisse in legno (grigliati, pergole, assi della ringhiera del balcone ecc.). Scrostateli con la carta vetrata o l’apposita macchina smerigliatrice e passateli con due mani di impregnante per legno.

Per approfondire

IL GIARDINO D’ACQUA MESE PER MESE
Laghetti, stagni, fontane e cascate per tutti i giardini
936 - Ultima modifica: 2018-11-12T12:18:14+00:00 da Claudia Notari
PRATI ORNAMENTALI
Progettazione, realizzazione e manutenzione dei tappeti erbosi
935 - Ultima modifica: 2018-11-12T12:17:27+00:00 da Claudia Notari
I CONSIGLI DEL GIARDINIERE
Una risposta a tutti i problemi del verde
934 - Ultima modifica: 2018-11-12T12:16:42+00:00 da Claudia Notari
LA POTATURA
Piante da frutto, vite e olivo nel frutteto e in giardino
933 - Ultima modifica: 2018-11-12T12:15:55+00:00 da Claudia Notari
932 - Ultima modifica: 2018-11-12T12:15:29+00:00 da Claudia Notari
Giardino: i lavori da fare a novembre - Ultima modifica: 2018-11-12T12:20:55+00:00 da Claudia Notari