Il mulching permette di lasciare sul prato il residuo di taglio senza pericoli. Ecco come e quando si fa.

Il mulching consiste nello sminuzzamento del residuo di taglio dell’erba, effettuato direttamente dal tagliaerba che sia munito della funzione mulching. Dopo il taglio lo sfalcio d’erba viene aspirato e convogliato sotto la scocca per ricadere sotto le lame che provvedono a tritarlo finemente, a polverizzarlo, lasciando poi cadere questo residuo finissimo sul manto erboso.

Mulching: se il tosaerba non ce l’ha

Se il tosaerba non ha la funzione mulching ed è privo del cestello raccoglitore, il residuo di taglio rimane sul manto erboso, dal quale va rimosso accuratamente passando con il rastrello a denti stretti.

Chi insiste a lasciarlo in loco, con l'idea che "sia tutto concime", presto si ritrova con un tappeto infeltrito e... molti problemi.

Inoltre alcune specie, come Festuca rubra, non sopportano... sé stesse, cioè non tollerano la benché minima limitazione di aria e luce sulla loro superficie fogliare, che il residuo lasciato sul prato invece comporta. Lasciare il residuo significa soffocare gli steli d’erba.

Unica eccezione: uno sfalcio di 1 cm che, se lasciato occasionalmente sull'erba, non provoca grossi danni.

Mulching: i vantaggi

Dato che il residuo d’erba trattato con il mulching contiene l'80% d'acqua, in genere si decompone rapidamente trasformandosi in nutrimento per l’erba. Questo consente una riduzione delle concimazioni fino al 50% e un aumento dello strato di humus nel terreno. Inoltre offre il vantaggio di non dover svuotare il cestello (o rastrellare lo sfalcio), né occorre trasportare il residuo e smaltirlo nel cassonetto apposito.

Se utilizzate il tosaerba con la funzione mulching, dovete tagliare al massimo un terzo della lunghezza dell'erba, per assicurare una corretta decomposizione (quindi lo sfalcio dovrà essere più frequente) e per evitare la formazione del feltro (che si crea se la decomposizione non avviene in tempi rapidi: per questo motivo il mulching è sconsigliato in zone fredde o con la pioggia).

Mulching: quando farlo

Il mulching si applica solo quando:

  • la microfauna (batteri, insetti, vermi ecc.) del terreno è in attività, quindi con temperatura della terra superiore ai 10 °C;
  • il suolo non è troppo pesante (in Pianura Padana, nelle aree con terra argillosa è meglio evitare il mulching o compierlo solo in primavera);
  • l'erba è in attiva crescita, sia per non impoverirla con il taglio sia per facilitare la decomposizione.

Per approfondire

PRATI ORNAMENTALI
Progettazione, realizzazione e manutenzione dei tappeti erbosi
1831 - Ultima modifica: 2018-12-10T09:55:57+00:00 da Claudia Notari
Mulching: che cos’è e quando farlo - Ultima modifica: 2018-12-10T09:59:03+00:00 da Elena Tibiletti