laghetto acqua torbida
L'acqua torbida nel laghetto in estate si può controllare.
Advertisement
L'acqua torbida nel laghetto durante l'estate si può evitare o controllare attraverso piccoli accorgimenti importanti: ecco quali sono

In piena estate, nel laghetto l’attenzione va focalizzata sulla qualità dell’acqua che, con il caldo, tende facilmente a intorbidirsi e a moltiplicare gli organismi vegetali che vi sono immersi. Alcune piante, come il giacinto d’acqua (Eichornia crassipes) o le ninfee, se si trovano bene, tendono a riprodursi velocemente o a produrre grandi quantità di foglie.

Tenendo presente che circa il 50% dello specchio d’acqua deve essere libero da vegetali, pescate con il retino l’eventuale eccesso: l’Eichornia può vivere anche in una tinozza o può essere regalata a parenti e amici, mentre le foglie delle ninfee vanno sollevate con il retino per tagliare il picciolo con il troncarami o lo svettatoio telescopici.

Per migliorare l’ossigenazione, accendete non solo la pompa, ma anche i giochi d’acqua durante le ore diurne: rinfrescano, ossigenano, ricambiano e impediscono alla sostanza organica di venire utilizzata dalle alghe.

Pescate prontamente con il retino anche eventuali detriti caduti nell’acqua, soprattutto dopo tempeste di vento.

Attenzione anche alla quantità di mangime distribuito ai pesci: in questo periodo si nutrono anche dei numerosi insetti che svolazzano a pelo d’acqua e delle loro larve acquatiche, quindi calibrate le dosi in modo che i granuli vengano mangiati tutti subito, senza rimanere nell’acqua a decomporsi.

Quanto minore è la sostanza organica nell’acqua, e quanto maggiore è lì insolazione in profondità, tanto meno alghe riusciranno a svilupparsi. Nel caso compaiano, oltre a rispettare i consigli dati sin qui, pescate i filamenti con il retino anche più volte al giorno. L’impiego dei prodotti antialga (che squilibra un po’ l’ambiente del laghetto) deve costituire l’ultima chance, nel caso in cui i mezzi naturali non abbiano ridotto l’accumulo.

Rabboccate l’acqua con regolarità, anche due volte a settimana se occorre (con cali di 3 cm al giorno), sempre durante la notte per scongiurare shock termici.

Laghetto con acqua torbida in estate: cosa fare? - Ultima modifica: 2020-07-27T07:05:05+02:00 da Elena Tibiletti