campi da calcio
L'erba dei campi da calcio è continuamente sottoposta a stress e richiede cure particolari.
I campi da calcio richiedono un manto erboso particolare, robusto e resistente. Molto fa la manutenzione, che deve essere assidua e diversa dal normale

La realizzazione di un tappeto erboso per impianti sportivi, e in particolare per campi da calcio, richiede accorgimenti tecnici diversi da quelli adottati per un tappeto erboso ornamentale. La robustezza e la calpestabilità, necessarie per sopportare l'intenso sfruttamento cui sono sottoposte queste aree, diventano le esigenze prioritarie.

Il clima italiano consente di ottenere superfici erbose ottime e durature a condizione che venga effettuata una costante e precisa manutenzione.

Il terreno per i campi da calcio

Il tappeto erboso per impianti sportivi dovrà poggiare su un terreno che possegga idonee caratteristiche di permeabilità all'aria e all'acqua (il compattamento e i ristagni idrici sono i più comuni e dannosi inconvenienti riscontrabili) e che garantisca un habitat ottimale per le piantine; queste devono poter sviluppare un solido apparato radicale e naturalmente devono trovare le sostanze nutritive adatte. Un manto erboso ben radicato e fitto diventa terreno di gioco più sicuro per i calciatori e permette una maggiore regolarità nei rimbalzi.

Il terreno viene preparato in base ai risultati delle analisi fisico-chimiche, effettuando le opportune correzioni.

Generalmente si fa largo uso di sabbia e torba (quella scura) per alleggerire la struttura e si aggiungono i concimi e le sostanze organiche necessarie.

Per evitare la formazione di ristagni idrici è opportuno prevedere una leggerissima pendenza verso l'esterno, oltre naturalmente installare un buon sistema di drenaggio sotterraneo.

Le sementi per i campi da calcio

Il miscuglio di sementi deve contenere specie che posseggano requisiti di robustezza, resistenza alle basse temperature e buone capacità di recupero dopo le sollecitazioni.

Le specie di graminacee più adatte sono: Poa pratensis (var. Answer, Award, Bedazzled, Nuglade, Right, Rugby II), Lolium perenne (var. Allstarter, Banfield, Benchmark, Caddieshack, Grayfox, Spyglass, Vantage), Festuca arundinacea (var. Dallas, Inferno, Rhambler SRP, Sundial, Stonewall, TPC).

La manutenzione

La manutenzione prevede interventi continui e regolari, con particolare riguardo alle concimazioni (con dosaggi più alti della norma), alla bucatura (operazione effettuata con apposite macchine provviste di fustelle rotanti che asportano tanti cilindretti di terra o "carote"; è indispensabile per aerare il suolo e ridurre il compattamento che deriva dall'intenso calpestio) e alla distribuzione della sabbia (per aumentare la permeabilità e l'aerazione del terreno).

Attualmente nella costruzione dei campi di gioco si sono sviluppate nuove tecnologie per migliorare la permeabilità. Una di queste ("Cellsystem") consiste nel suddividere l'area in varie celle, ognuna con drenaggio e irrigazione sotterranea (l'acqua risale per capillarità); le vasche vengono riempite con il substrato costituito da sabbia di fiume. Superficialmente lo strato è composto di sabbia, torba e concimi. I vantaggi di questo sistema sono: smaltimento rapido dell'acqua in eccesso, risparmio idrico, sviluppo radicale verso il basso, possibilità di concimare attraverso la rete di irrigazione (fertirrigazione), possibilità di installare un riscaldamento sotterraneo.

I campi da calcio con doppia gradinata

Le difficoltà che si incontrano nella manutenzione di campi di calcio con doppie gradinate sono dovute a due ordini di fattori.

Le coperture provocano un ombreggiamento del terreno di gioco per gran parte della giornata e in alcune zone addirittura il sole non riesce mai a colpire direttamente il prato. Con questa carenza di illuminazione l'erba cresce, ma è molto debole e delicata; assolutamente inadatta a subire un rustico trattamento da parte dei nostri campioni. Situazioni di ombra costante favoriscono lo sviluppo di muschi ma non di erba adatta a un terreno di gioco.

Il secondo problema, provocato dalla scarsa insolazione, è il diffondersi delle malattie fungine, ovvero alterazioni e deperimento dell'erba dovuti a funghi microscopici. Questi spargono le loro spore con il vento, raggiungono gli stadi e, trovando un ambiente adatto (ombroso e umido), prosperano allegramente. Inoltre i campi circondati da altissime gradinate non sono ventilati a livello del suolo. In questa situazione l'umidità è costante e favorisce lo sviluppo immediato di funghi patogeni che possono far morire vaste aree di prato. Per ovviare a questi inconvenienti è pratica comune intervenire con fungicidi specifici per tappeti erbosi, che però riescono solo a limitare i danni. È necessario mantenere questi campi con interventi molto equilibrati usando tecniche sofisticate.

Nella progettazione degli stadi è indispensabile tenere conto di queste esigenze, limitando l'altezza delle strutture e lasciando dei varchi per consentire la ventilazione a livello del suolo.

 

Per approfondire

TAPPETI ERBOSI
Cura, gestione e manutenzione delle aree verdi pubbliche e private
29397 - Ultima modifica: 2019-10-08T17:02:37+00:00 da Elena Tibiletti
Il tappeto erboso per i campi da calcio - Ultima modifica: 2019-10-09T07:40:14+00:00 da Elena Tibiletti