kumquat
Il kumquat viene anche chiamato mandarino cinese o fortunella.
Passo per passo, come rinvasare il kumquat o mandarino cinese o fortunella: la descrizione dei vari passaggi e il video per capire bene come si fa

Il rinvaso del kumquat – e più in generale il rinvaso degli agrumi – va effettuato quando la pianta sta ormai tornando attiva dopo il riposo invernale. Il rinvaso autunnale, infatti, favorirebbe il ristagno di umidità in quanto il nuovo volume di terra non verrebbe subito raggiunto dalle radici.

Il periodo giusto per il rinvaso degli agrumi, quindi, è la primavera (da aprile a giugno): a differenza degli altri agrumi bisogna però specificare che il mandarino cinese è l'unico agrume che non va mai in completo riposo vegetativo.

 

Come si fa il rinvaso del kumquat

  • La prima cosa che dovrete fare è scegliere il nuovo contenitore.
    Prediligete i vasi di cotto, di spessore medio e di buona qualità: questo perchè si tratta di un materiale che mantiene più costante la temperatura e l'umidità; questi sono fattori importantissimi per la salute della pianta. Il vaso di cotto, inoltre, è abitualmente più gradevole a livello estetico.
    Anche la dimensione è importante: rispetto a quello originario, basterà un vaso dal diametro di pochi centimetri in più; anche in questo caso un errore favorirebbe i ristagni, inoltre stimolerebbe solo la crescita vegetativa e non la fioritura. Come ultima accortezza, infine, scegliete un vaso piuttosto basso e largo.
  • Il vaso va poi preparato: coprite il foro presente sul fondo con una retina dai fori non troppo fitti; questo permetterà al terriccio di non fuoriuscire permettendo ugualmente un buon drenaggio.
    Come misura preventiva ulteriore, sul fondo del vaso aggiungete uno strato di qualche centimetro di materiale inerte: pomice, argilla, cocci di vasi o lapillo sono tutte valide alternative.
  • Dopo questo passaggio aggiungete il primo terriccio, meglio se specifico (genericamente gli agrumi prediligono terricci poco calcarei, arricchiti di materiale inerte e che garantiscono un buon drenaggio).
  • Ora è il momento di svasare la pianta: date dei leggeri colpi sul bordo del vaso per far sì che il pane di terra si stacchi. Osservandolo, si intuirà se si ha scelto il momento giusto per il rinvaso, in quanto in questo caso le radici saranno ben visibili e avranno raggiunto anche la parte esterna del pane stesso. Generalmente, quest'operazione va svolta circa ogni 3-4 anni.
  • Riponendo la pianta nel vaso, controllatene l'altezza. Il colletto deve, infatti, essere ad un'altezza di poco inferiore rispetto al bordo del vaso. Se fosse troppo in alto, tagliate parte dell'apparato radicale e del pane di terra. Se fosse troppo basso, aggiungete del substrato sul fondo del vaso.
  • Una volta inserito alla giusta altezza, riempite il vaso pressando il terriccio per far fuoriuscire eventuali vuoti d'aria.
  • L'ultima operazione è la concimazione: scegliete un prodotto specifico, meglio se a lenta cessione, e somministratelo nelle dosi e nelle tempistiche consigliate dalla confezione. Annaffiate bene il terriccio, senza eccedere.

 Ecco il nostro video tutorial sul rinvaso del mandarino cinese o kumquat:

 

Kumquat, come si rinvasa (con video) - Ultima modifica: 2019-11-24T07:54:47+00:00 da Redazione Passione In Verde