frutteto malattie parassiti calce tronchi
La "camicia per tronchi" fatta con calce, contro malattie e parassiti.
In dicembre si effettuano le cure e i trattamenti che riducono la quantità di malattie fungine e parassiti animali nel frutteto la primavera prossima

Se la primavera è stata piovosa, in estate si verifica un’esplosione di malattie fungine. Nell’inverno successivo, soprattutto sugli alberi più colpiti, è necessario effettuare un’azione d’emergenza per diminuire drasticamente le possibilità d’infezione l’anno prossimo.

Attendete la caduta delle foglie e subito tagliate i rami secchi, spezzati o malati (gommosi, mal bianco, cancri rameali ecc.). Fate cadere a terra e raccogliete anche tutti i frutti mummificati.

Se si tratta di grossi tagli (superiori a 6 cm di diametro), disinfettateli con una soluzione di sali di rame ed eventualmente copriteli con mastice per potatura o, meglio, con pasta per tronchi (vedi sotto).

Poi, armati di una spazzola con setole dure o metalliche, strofinate i tronchi e per quanto possibile anche i rami, senza arrivare alla parte viva della pianta, ma staccando le parti superficiali morte che danno asilo ai parassiti in inverno.

Infine, con il rastrello, raccogliete il più possibile, specialmente alla base degli alberi, tutti i materiali di risulta caduti a terra, incluse le foglie, ed eliminateli nei cassonetti dei rifiuti organici se l’azienda di raccolta rifiuti lo consente. Altrimenti bruciateli con molta attenzione per non creare incendi.

Entro la fine di dicembre effettuate, in giornate tiepide e senza vento, due trattamenti a distanza di 7-10 giorni fra di loro su tutte le piante da frutto, inclusi i frutti di bosco. Il primo è contro le malattie fungine, con un prodotto a base di rame; il secondo è contro i parassiti animali ed è a base di olio minerale (olio bianco invernale).

Evitate di effettuare insieme i due trattamenti, anche scegliendo prodotti compatibili, in modo da ottenere la maggiore efficacia. Su fruttiferi gravemente attaccati utilizzate le dosi massime riportate in etichetta: in questa stagione non si corrono rischi di danneggiare le piante. Per maggior sicurezza, scegliete prodotti autorizzati in agricoltura biologica.

La camicia per i tronchi

Per ridurre le fessurazioni dei tronchi causate da eventuali fasi di gelo, e per abbassare la quota di parassiti che, sotto forma di uova, larve o adulti, possono svernare negli interstizi della corteccia, è utile la “camicia per tronchi”.

L’operazione è particolarmente utile per le Drupacee, soprattutto albicocco e pesco, più sensibili a malattie, parassiti e gelo, e per tutti gli alberi che presentano lesioni o una corteccia sensibilmente corrugata.

Si tratta di spennellare, dopo aver spazzolato la corteccia, il tronco o con la calce o con l’apposita pasta per tronchi, facendola penetrare bene negli interstizi della corteccia.

In alternativa è possibile realizzare la pasta in casa, secondo questa ricetta: 5 kg di caolino + 3 kg di solfato di potassio + 700 g di zolfo + 1,3 kg di silicato di sodio da far sciogliere in 100 l d’acqua, sufficienti per 1.000 mq di terreno.

Se vi dovesse avanzare un po’ di pasta, diluitela in acqua e irroratela anche sui rami della pianta.

La camicia si scioglierà lentamente con la neve e la pioggia e a primavera dovrà essere quasi del tutto scomparsa.

Per approfondire

IL PICCOLO FRUTTETO
Come piantare e curare il frutteto familiare
34204 - Ultima modifica: 2020-12-11T19:32:15+01:00 da Elena Tibiletti
Frutteto, in dicembre si combattono malattie e parassiti - Ultima modifica: 2020-12-14T06:22:08+01:00 da Elena Tibiletti