vanga
La vanga serve per aprire il terreno.
La vanga rientra fra gli attrezzi indispensabili nel giardino, nell'orto e nel frutteto. I suggerimenti per sceglierla e utilizzarla in modo corretto

La vanga serve per sollevare la terra, smuovendola e arieggiandola. Molto simile alla pala, se ne differenzia per la forma della lama, in genere quadrata o rettangolare e comunque diritta, rispetto alla pala dov’è a punta e sempre concava. Questa infatti entra nella terra a forza di braccia, mentre la vanga si fa penetrare con il piede.

Advertisement

È formata da due parti: il manico, in legno, plastica o metallo, e la lama, sempre metallica. La lama è quella che va inserita nella terra, spingendola superiormente con la suola della scarpa, per poi sollevare zolle e smuoverle. Risulta sempre rimovibile, nel senso che il manico può essere tolto dall’incavo di alloggiamento nella lama, e quindi può essere sostituita se si deteriora. In questo modo il manico può essere utilizzato anche con altri tipi di lama (es. pala, forca ecc.).

Classicamente, la vanga si usa per la lavorazione del terreno in autunno. Si procede all’indietro, per non pestare la terra appena vangata che si accumula di lato allo scavo; da destra a sinistra se si è destrorsi e viceversa se si è mancini.

La vanga serve anche per la piantagione di alberi e arbusti, o erbacee particolarmente grandi per le quali non basta la paletta.

Al momento dell’acquisto, non fidatevi dei “primi prezzi”: è probabile che la lama si spacchi o si pieghi dopo il primo utilizzo impegnativo!

Non sempre l’acquisto delle due parti separate (manico e lama) costa meno, ma non fatevi tentare dalla vanga già assemblata che costa molto meno: scegliete sempre un prodotto di marca nota, preferibilmente made in Italy.

Risparmiate sicuramente a scegliere manico e lame (se ve ne serve più di una) della stessa ditta: basta un solo manico perché è sicuramente intercambiabile.

Se acquistate online, a tanto maggior ragione comperate solo prodotti di aziende note, preferibilmente da siti affidabili: i migliori sono quelli delle aziende stesse, che abbattono il costo applicato dal rivenditore. E leggete bene le condizioni di garanzia e di reso!

Esistono poi vanghe più grandi o più piccole, agevoli nei piccoli giardini o con piante molto addensate.

Prima di acquistare, provate l’attrezzo: deve essere adeguato alla vostra altezza e il suo peso alla vostra forza (considerate anche il peso della terra sulla lama!).

Vanga, come sceglierla e usarla - Ultima modifica: 2021-02-02T06:58:02+01:00 da Elena Tibiletti