tartaruga
La tartaruga di terra va allevata in un giardino a sua misura.
Advertisement
Il giardino a misura di tartaruga richiede alcuni semplici accorgimenti per ospitare nel modo migliore questo simpatico rettile

Le tartarughe di terra sono tra gli animali domestici più diffusi dopo cane, gatto e coniglio. Anche se possono vivere tranquillamente in cattività se si rispettano spazi e habitat, non sono però considerabili come veri e propri animali da compagnia: le tartarughe di fatto non sono animali addestrabili e sono anaffettive, non si legano al proprietario.
Si abituano alla routine e agli orari in cui viene dato loro da mangiare ma il venire incontro è un riflesso condizionato dal cibo, non una ricerca di contatto affettivo.

L'habitat della testuggine di Hermann

Esistono tantissime specie di tartarughe, ognuna con esigenze, caratteristiche e habitat differente, in questo articolo parlerò delle tartarughe di terra, la testuggine di Hermann, una tartaruga autoctona che si trova in Italia e in Europa.
La testuggine di Hermann è una tartaruga dalle dimensioni contenute, non supera i 25 cm circa. Il suo habitat naturale per clima e ambientazione è la macchia mediterranea caratterizzata da dune sabbiose ma ricche di vegetazione e cespugli, pinete ricche di sottobosco con un clima invernale mite e poco piovoso ed estati calde e secche.
Le tartarughe di terra necessitano di molto spazio, per questo non consiglio di farle vivere in un terrario, ma in uno spazioso giardino: ogni esemplare per una vita sana ha bisogno di un minimo di 10 mq di spazio a disposizione, ed è preferibile tenere i maschi separati dalle femmine o mantenere la proporzione di un maschio ogni 5 femmine in modo che non siano troppo stressate dal continuo corteggiamento; anche i piccoli è consigliabile tenerli separati dagli adulti.
Una caratteristica molto importante delle tartarughe è che amano scavare, non soltanto per andare in letargo, ma anche per ripararsi dal sole durante l'estate e per deporre le uova, per questo motivo il sottofondo deve essere morbido e facile da scavare.

Un ambiente accogliente

Lo spazio dedicato alle tartarughe deve prevedere molti rifugi naturali, ideali i cespugli fitti di rosmarino, salvia, lavanda, timo, origano, mirto, menta, alloro.
Non dimenticatevi di predisporre delle oasi di fieno che, oltre a ripararle dal caldo e dal freddo, sono anche parte della loro alimentazione.
Si possono realizzare ripari con materiali naturali quali legno o rocce di tufo; i ripari devono essere spaziosi ma raccolti allo stesso tempo, tenendo in considerazione la dimensione della tartaruga adulta.
Sconsiglio caldamente di posizionare le tartarughe in zone del giardino parzialmente pavimentate: le piastrelle creano forti sbalzi termici e interferiscono con la termoregolazione della tartaruga oltre a creargli problemi articolari, da evitare anche pavimentazioni in erba sintetica, letto di corteccia, sabbia a grana grossa, e ghiaia.
Una cosa molto importante da tenere in considerazione è che le tartarughe possono ribaltarsi: se sono in salute riescono tranquillamente a girarsi da sole aggrappandosi a fili d'erba, arbusti e rametti sparsi sul terreno; per questo consiglio di lasciare l'erba un po' lunga, potrebbe salvargli la vita.
Non dimentichiamoci l'acqua: una pozza d'acqua spaziosa e bassa è l'ideale, la tartaruga quando beve deve poter entrare e uscire agevolmente con tutto il corpo nell'acqua senza annegare. Per la salute della tartaruga è importantissimo che l'acqua sia sempre pulita e cambiata quotidianamente, oltre alla pozza si possono posizionare piccoli getti d'acqua che simulano la pioggia sparsi in tutto lo spazio a disposizione della tartaruga.
Le tartarughe data la loro lentezza vengono spesso sottovalutate, ma sono delle abilissime arrampicatrici, quindi attenzione alle fughe, sia dal basso sia dall'alto; inoltre hanno molti predatori diretti come cani, gatti, ratti e rapaci, quindi il contenimento deve essere pensato anche per tutelarle dai predatori.
Per il letargo, se le temperature invernali sono troppo rigide e scendono abbondantemente sotto lo zero bisogna provvedere a tenerle al riparo in una teca, in un ambiente che mantenga una temperatura costante di 5 gradi.

design4pet.blogspot.it

https://www.facebook.com/Design4Pet/

Per approfondire

31711 - Ultima modifica: 2020-05-13T18:47:01+02:00 da Elena Tibiletti
Tartaruga, come allevarla in giardino - Ultima modifica: 2020-05-15T07:32:25+02:00 da Elena Tibiletti