Petunie e surfinie non possono mancare sul balcone estivo: fioriscono in tanti colori diversi da aprile fino a ottobre, chiedendo in cambio solo acqua e concime

Petunie e surfinie sono redditizie erbacee che da sole possono riempire una balaustra, a fronte di una spesa molto contenuta e di un pochino di cure, la più importante delle quali, oltre all’irrigazione regolare, consiste nell’eliminazione delle corolle sfiorite (in piena estate durano 24 ore) da effettuarsi almeno ogni 3 giorni. In cambio terranno compagnia da maggio a ottobre ininterrottamente (e anche oltre, se vengono conservate in inverno).

Oggi esistono in una quantità sterminata di colori e dimensioni, non sarebbe quindi difficile “arredare” un intero balcone solo con petunie, surfinie e calibracoe (le mini-petunie), ma lo sconsiglio proprio per l’impegno richiesto dai fiori appassiti (che permangono sulla pianta, se non vengono eliminati, e la rendono antiestetica, e poi vanno a seme, riducendo la capacità fiorifera).

Come sono fatte petunie e surfinie

surfinie con fiori in vari colori
Assortimento di surfinie.

La petunia, originaria del Sud America e appartenente alla famiglia delle Solanacee, è, come la Surfinia, un’erbacea perenne coltivata di solito come annuale, dai lunghi fusti ramificati e vischiosi, con foglie opposte, appiccicose, di colore verde chiaro.

Petunia ha portamento eretto (alta fino a 40 cm); Surfinia® ha rami ricadenti (fino a 1 m). Da aprile a ottobre producono fiori grandi (diametro 6 cm) solitari, imbutiformi, semplici o doppi, a petali ondulati o frangiati, in tinta unita o con striature contrastanti, con margini a colore differente dal cuore, o sfumati nei colori bianco, giallo, salmone, rosa, rosso, lilla, viola, nero, verde o bicolori, anche picchiettati o screziati.

Le Potunie® sono piante ibride con le caratteristiche delle petunie, tranne l’allungamento dei rami: l’esemplare rimane compatto per tutta la stagione, senza svuotarsi alla base.

 Come acquistare petunie e surfinie

Tassativo scegliere piante di petunie e surfinie ben turgide, senza appassimenti, e soprattutto senza foglie gialle o, peggio, secche, spia di carenze idriche pregresse.

 Petunie e surfinie, dove metterle

Le petunie possono anche essere piantate in giardino, ma sarebbero sprecate. La resa migliore per entrambe è in vaso, cassetta o ciotola, magari abbinando più piante con fiori in colori diversi. I contenitori vanno appesi alla ringhiera o sistemati su pilastrini o balaustre, perché i rami, soprattutto della surfinia, possano ricadere a cascata.

 Come coltivare petunie e surfinie

  • Esposizione: pieno o mezzo sole (in ombra/sole la fioritura si dimezza) per petunia e calibracoa, mezzo sole o ombra/sole per surfinia che non sopporta i raggi nelle ore più calde dell’estate.
  • Temperatura: ideale tra 20 e 28 °C, sopportano fino a 5 (10 per surfinia) e 50 °C. Singoli esemplari di petunia (soprattutto a fiore semplice) reggono senza protezioni fino a –5 °C, ma non è possibile individuarli in anticipo…
  • Precauzioni invernali/estive: se desiderate conservarle da un anno all’altro, nel Nord Italia vanno ricoverate in serra fredda, eventualmente avvolgendo vasi e chiome (parzialmente potate se necessario) con uno-due teli di non-tessuto; nelle zone alpine vanno protette in una stanza fresca (10-12 °C) e luminosa, riducendo moltissimo le annaffiature (circa una scarsa al mese). I venti forti e le piogge battenti rovinano i fiori (meno nelle calibracoa).
  • Vaso: in plastica, di diametro minimo 18 cm per una calibracoa, 20 cm per una petunia appena acquistata e 22 cm per una surfinia, e cassette (max 3 piante in 40 cm di lunghezza del contenitore), anche in vasi a parete o in basket (surfinie e calibracoa).
  • Terra: fertile e leggera, per es. metà terra da giardino e metà terriccio universale, o due terzi substrato per piante fiorite e un terzo universale, sempre molto ben drenata.
  • Acqua: abbondante e regolare (anche una o due volte al giorno se il substrato di asciuga velocemente e le foglie diventano flaccide) tra maggio e settembre, regolare e medio-scarsa in aprile e ottobre; scarsa o nulla nei restanti mesi.
  • Concime: da aprile a settembre ogni 10 giorni un prodotto liquido per piante da fiore nell'acqua d'irrigazione.
  • Potatura: i fiori appassiti vanno eliminati regolarmente; i rami vanno potati se si allungano troppo e rallentano la fioritura o si seccano. Se si conservano le piante, potate di un terzo i rami in novembre, e tagliateli a 10 cm d’altezza in marzo-aprile.
  • Riproduzione: per talea di ramo in maggio-luglio o per seme in febbraio-marzo.

Malattie e parassiti di petunie e surfinie

L’oidio o mal bianco attacca petunie e surfinie all’inizio e alla fine della stagione, quando sono frequenti le piogge.

Per approfondire

PIANTE DA TERRAZZO E DA BALCONE
I consigli dell'esperto per terrazzi e balconi fioriti
26076 - Ultima modifica: 2019-03-21T19:48:06+00:00 da Elena Tibiletti
Petunie e surfinie, annuali da balcone sempre in fiore - Ultima modifica: 2019-03-24T09:44:36+00:00 da Elena Tibiletti