Riproduzione per polloni: come e quando farla

I polloni sono germogli radicali identici alla pianta madre dalla quale nascono. Vi spieghiamo come fare a dividerli per ottenere nuove piante.

Un pollone è un germoglio che viene prodotto direttamente dal colletto della radice della pianta madre e che contiene in sé una piantina identica alla madre. Che rimanga insieme a quest’ultima o che venga separato, produrrà comunque una nuova pianta uguale alla preesistente.

Anche la riproduzione per pollone, quindi, come quella per talea permette di ottenere nuove piante figlie tali e quali la madre, in tempi in genere più rapidi rispetto alla talea.

La primavera, da fine marzo a metà giugno, e di nuovo la fine estate/inizio autunno, da metà settembre a metà ottobre, sono i periodi adatti per staccare i polloni da cui ottenere nuove piantine. Servono infatti temperature medie e un minimo di umidità nell’aria. Il cuore dell’estate e i mesi freddi sono sconsigliabili, non solo perché il pollone difficilmente svilupperebbe, ma anche perché, nel dividere i polloni dalla madre, si rischierebbe di perdere anche quest’ultima.

Non confondete i polloni con i succhioni: i primi vengono emessi dalla parte coltivata della pianta, dall’innesto, mentre i secondi sono prodotti dal portainnesto, cioè dal “selvatico”, e vanno sempre eliminati appena si formano perché rubano risorse all’innesto, che può anche morire.

I polloni: quali piante li producono

Non sono moltissime le piante che producono polloni.

Fra quelle ornamentali d’appartamento ci sono le aloe e le agavi, che sono piante grasse, le cycas, le Bromeliacee (Aechmea, Vriesea, Guzmania ecc., dove appaiono quando la pianta madre è ormai al termine della vita, dopo la fioritura) e le tillandsie. Fra le ornamentali da esterni tiglio, querce, lillà, corniolo, alloro, rosai (soprattutto botanici e antichi) ecc.

Fra le piante da frutto ci sono fico, gelso, giuggiolo, kiwi, melograno, nocciolo, nespolo giapponese, banano di montagna, olivo, goji, lampone.

tamarix_polloni
Polloni radicali di tamerice, prelevabili per ottenere nuove piante

Staccare i polloni: come fare

Nelle piante d’appartamento, si procede svasando la pianta e, tenendola saldamente per la base, staccando con la mano i polloni, oppure, se opponessero troppa resistenza, con un coltellino affilato separandoli verticalmente dalla madre.

Rinvasate la madre (anche nello stesso vaso precedente) e ponete i figli ciascuno in un vasetto (diametro 10-14 cm) riempito di torba e sabbia (1:2) per le succulente, torba e terriccio universale (1:1) per le altre piante, appena inumidite. Mettete i vasetti in luogo tiepido o caldo, all’ombra ma con una discreta quantità di luce, vaporizzando leggermente ogni 15 giorni il substrato. I primi segnali di vita delle nuove piantine possono arrivare anche dopo 3 mesi.

Nel caso di aloe, agavi, cycas e tillandsie, prima del rinvaso lasciatele asciugare per 2-3 giorni all’aria. Nel caso delle Bromeliacee non serve rinvasare la pianta madre perché è prossima alla morte.

Per le piante in piena terra in giardino, scavate delicatamente intorno alla ceppaia in modo da estrarre ciascun pollone con almeno un pezzo di radice, e invasettate (diametro min 18 cm per un pollone) in terra e sabbia appena inumidite. Tenete i vasi all’ombra, leggermente umidificati. Le piantine si possono piantare a dimora nell’autunno successivo.

Per approfondire

IL PICCOLO FRUTTETO
Come piantare e curare il frutteto familiare
1822 - Ultima modifica: 2018-12-06T15:42:22+00:00 da Claudia Notari
PIANTE D'APPARTAMENTO
I consigli dell'esperto per una casa verde
1821 - Ultima modifica: 2018-12-06T15:41:10+00:00 da Claudia Notari
I CONSIGLI DEL GIARDINIERE
Una risposta a tutti i problemi del verde
1820 - Ultima modifica: 2018-12-06T15:40:12+00:00 da Claudia Notari
Riproduzione per polloni: come e quando farla - Ultima modifica: 2018-12-06T15:45:07+00:00 da Elena Tibiletti