pere William
Le pere William sono estive e durano veramente pochissimo.
Advertisement
La durata delle pere di varietà poco note, ma coltivate nel frutteto familiare, è diversa rispetto a quelle solite del supermercato

Le pere del supermercato appartengono alle solite 6 varietà: William, Norma e Tosca in agosto, Kaiser e Coscia in settembre, Abate Fétel da ottobre a marzo. Vengono ovviamente conservate in cella frigorifera e si acquistano al momento del consumo, per una conservazione casalinga di 4-5 giorni al massimo, per evitare che vadano a male.

Ma le varietà che si possono coltivare nel proprio giardino, oltre a quelle già elencate, sono decine, tutte diverse come sapore, ma anche come durata dei frutti una volta raccolti.

Si sa che le pere durano meno delle mele. Per questo motivo, controllate un paio di volte la settimana i frutti immagazzinati in cantina, in cassette basse in unico strato, al freddo e all’aria: una parte delle pere autunnali non resiste oltre la fine del mese e nel frattempo può maturare in pochissimi giorni.

I frutti troppo morbidi segnalano che sono già ammezziti, cioè al centro, intorno al torsolo, sono diventati marroncini e immangiabili.

Vanno perciò prelevati per il consumo quando stanno solo incominciando ad ammorbidirsi, altrimenti saranno da gettare.

Tra le varietà pronte in novembre – e quindi da tenere sotto stretto controllo – ci sono le Butirre, la Conference, la Passa Crassana.

Durano in genere fino alla metà o fine di dicembre le Curato, la Spadona d’inverno (entrambe perfette per fare le pere cotte nel vino), le Decane del comizio e d’inverno, la Madernassa.

Fino a gennaio invece si consumano le pere Martin Sec e Volpina, ottime per deliziose torte di pere: sono troppo piccole e granulose per essere consumate crude, mentre una volta cotte si sciolgono in bocca.

Per approfondire

IL PICCOLO FRUTTETO
Come piantare e curare il frutteto familiare
33891 - Ultima modifica: 2020-11-11T11:56:44+01:00 da Elena Tibiletti
Pere: quanto durano le varietà del frutteto familiare? - Ultima modifica: 2020-11-22T07:40:36+01:00 da Elena Tibiletti