Il cane della prateria è un simpatico roditore, molto comunicativo e vivace, che deve vivere in una grande gabbia, meglio in compagnia. Scoprite subito come allevarlo.

Lo chiamano “cane” perché emette un verso simile a un latrato per avvisare i suoi simili di un pericolo, ma è un Roditore: il cane della prateria (Cynomys ludovicianus), se adottato da piccolo, è un ottimo animale da compagnia, dal carattere curioso e interattivo, ma richiede molte attenzioni, perché non sopporta la solitudine.

Advertisement

Come abituare il cane della prateria

In natura, infatti, vive in colonie numerose divise in “famiglie” costituite da un maschio, alcune femmine e i figli al di sotto dei 2 anni d’età, tutti attivi di giorno. La colonia scava complesse e profonde gallerie nel sottosuolo. Questa organizzazione sociale determina, anche in cattività, la necessità di avere contatti con i suoi simili; in alternativa dovete essere voi a dedicargli tanto affetto.

Prendetelo in braccio sollevandolo con una mano sotto lo sterno e l’altra fra le zampe posteriori; se fosse spaventato abituatelo gradualmente offrendogli pezzettini di frutta o verdura: preferisce approcci gentili e delicati, non rincorse o strattonamenti che possono rivelarsi pericolosi. Naturalmente, non urlate mai in sua presenza: potrebbe scambiarlo per un segnale di pericolo!

La gabbia per il cane della prateria

Date loro un’ampia gabbia (min 60 x 40 x 50 h cm per un solo animale), tipo quella per conigli, munita di ripiani, casette, cortecce e gallerie in PVC o stoffa, in modo da simulare i cunicoli scavati in natura. Nelle casette, in plastica o legno o cartone, il roditore dorme o si rifugia quando ha paura.

Il fondo della gabbia deve essere in plastica rigida, per ragioni di pulizia: ospita la lettiera specifica per roditori, da pulire ogni due giorni e cambiare tutta almeno una volta al mese.

Nella gabbia devono trovare posto anche la mangiatoia per il fieno, la ciotola per il cibo e il beverino per l'acqua.

Da maggio a settembre la gabbia può stare all’aperto, in luogo riparato da raggi solari, pioggia e vento.

Si può permettere all’animale di trascorrere ogni giorno un po’ di tempo fuori della gabbia; se abituato in tenera età, è possibile anche condurlo al guinzaglio (occorre utilizzare quello con pettorina).

Cosa mangia il cane della prateria

In quanto roditore, è erbivoro: la dieta è basata su fieno ed erba secca biologici (vanno bene quelli per roditori), e verdura fresca, con piccole quantità di frutta e cibi in pellet per cani della prateria.

Frutta e verdura devono essere a temperatura ambiente, ben lavate, asciugate e tagliate a pezzetti, anche un po’ “passate” per noi umani, purché non marce.

Da evitare, se non come premio eccezionale (max 3 semi a settimana), noci, semi di girasole e noccioline, che inducono obesità provocando patologie serie.

Per limare i denti a crescita continua, servono pezzi di legno o blocchetti di minerali. Sarà invece il veterinario ad accorciare periodicamente le unghie, a rapida crescita.

Mettete un abbeveratoio automatico, rinnovando l’acqua ogni 3 giorni: i cani della prateria bevono poco.

Quanto vive il cane della prateria

Questi animaletti in cattività vivono una decina d’anni e divengono maturi sessualmente a 1,5-2 anni d’età. La gravidanza (una sola l’anno) dura 30-35 giorni e dà luogo a 2-10 piccoli, nudi e ciechi. Attenzione al papà, che dopo la nascita può rivelarsi aggressivo: tenete pronta un’altra gabbia per qualche settimana.

Se pensate di allevare una coppia, dovete già sapere dove collocare i piccoli, altrimenti dovete far sterilizzare sia il maschio sia la femmina. In alternativa, potete allevare due o più femmine, ma anche in questo caso sarebbe preferibile sterilizzarle per evitare problemi di salute.

Come allevare il cane della prateria - Ultima modifica: 2019-02-11T12:23:20+01:00 da Elena Tibiletti