Advertisement
La divisione e moltiplicazione delle Graminacee si effettua a fine inverno. Un video tutorial vi mostra come si fa passo per passo

La divisione delle Graminacee si effettua per ottenere più piante da quella di partenza che avete in terrazzo o in piena terra: questa tipologia di piante cresce alla base, allargandosi in cespugli sempre più grandi.

 

L'operazione va effettuata al termine dell'inverno, quando il pericolo delle gelate è scongiurato. L'eccessivo freddo, infatti, potrebbe danneggiare troppo le piante, già indebolite dal lavoro stesso del travaso.

 

Per prima cosa, va asportata la parte aerea ormai secca. Talvolta si crede erroneamente che l'ingiallimento delle graminacee ne simboleggi la morte, ma non è così; in primavera la pianta tornerà a crescere, soprattutto se l'avrete liberata dal seccume (operazione che infatti va fatta sia in caso di trapianto o rinvaso sia come cura generale). Nel tagliare, è sufficiente lasciare pochi centimetri di lunghezza degli steli e recidere tutto il resto. In poche settimane si allungheranno nuovamente.

 

Una volta svasata, è importante eliminare anche alcuni centimetri dal fondo, dove le radici sono più rovinate. Questo aiuterà le nuove radicazioni.

Per effettuare la divisione vera e propria, incidete al centro. Poi tagliate aprendo un varco a metà della vostra pianta, separandola in due. Se è molto grande, potete anche scegliere di ottenere tre nuovi esemplari, l'importante è che non siano di dimensioni troppo ridotte.

 

Procedete poi al rinvaso, optando per un contenitore più grande di quello di partenza nonostante ora le piante siano più piccole. Per quanto riguarda il terriccio, sceglietene uno leggero, arricchito con pomice (ottimo quello per piante grasse): le Graminacee temono il ristagno idrico e necessitano dunque di un substrato in grado di non trattenere troppo a lungo l'acqua in eccesso. Inserite la pianta al centro del nuovo vaso, interrandola fino al colletto ma lasciando un leggero incavo attorno che vi aiuterà nelle prime innaffiature.

Al termine dell'operazione bagnate abbondantemente, e proseguite nel tempo con innaffiature regolari anche in estate. Generalmente le graminacee non hanno bisogno di molta acqua ma vanno tenute sotto controllo nel primo periodo successivo a questo tipo di lavori, in quanto l'apparato radicale potrebbe essersi leggermente danneggiato.

 

Qui il nostro video che mostra come rinvasare e moltiplicare le Graminacee:

Graminacee: divisione e moltiplicazione - Ultima modifica: 2020-10-31T07:55:13+01:00 da Redazione Passione In Verde