L’alloro è soggetto a seccume fogliare

    Domanda

    Ho una pianta di alloro in vaso che ha circa 10 anni ma ora sta morendo: all'inizio dell'estate ha perso tutte le foglie (come se fossero bruciate) poi da una parte dei rami sono nate nuove foglie che non si sono mai sviluppate interamente; anche la metà dei rami è seccata completamente.
    Da cosa può dipendere?

    Risposta

    L’alloro è soggetto a seccume fogliare, che può dipendere da varie cause.
    La coltivazione in vaso richiede che questo abbia dimensioni adeguate: per una pianta alta 50 cm, almeno 28 cm di diametro, e via a crescere in proporzione.
    Sempre la coltivazione in vaso richiede anche un’irrigazione adeguata, e proporzionata alla temperatura: durante estati torride, l’annaffiatura deve essere giornaliera, con almeno 8 l d’acqua per un vaso di 50 cm di diametro (senza sottovaso).
    Ancora per la coltivazione in vaso, durante l’estate la potenza dei raggi solari negli ultimi decenni è aumentata, tanto da bruciare perfino alcune piante mediterranee, come l’alloro (e l’oleandro), che un tempo non venivano scalfite dal sole (e che resistono ancora discretamente se piantate in piena terra in giardino). In vaso, invece, non resistono e si bruciano: a partire da metà giugno sarebbe bene spostare le piante a mezz’ombra, oppure ombreggiarle con una rete ombreggiante.
    Anche il gelo (temperatura sotto -10 °C) determina la bruciatura del fogliame e dei rami (anche in piena terra), ma questo non riguarda il caso in oggetto.
    Consiglio di effettuare una bella pulizia, eliminando tutto il materiale secco (foglie e rami), se necessario potando i rami fino a 10 cm dalla superficie del terriccio. Per precauzione, su quanto rimane della pianta sarebbe bene effettuare una piccola irrorazione con sali di rame. È molto probabile che la nuova vegetazione prodotta risulti sana.
    Se necessario, va effettuato anche un rinvaso per rendere adeguate le dimensioni. Quanto al sole, all’inizio di settembre non ha più forza bruciante nel Nord e Centro Italia, mentre nel Sud è più prudente tenere la pianta al riparo sino a fine mese. Le irrigazioni all’inizio di settembre si possono limitare a 5 l d’acqua a giorni alterni nel Nord e Centro, mentre devono rimanere sui 7 l al Sud a giorni alterni.

    L’alloro è soggetto a seccume fogliare
    - Ultima modifica: 2019-09-03T17:00:53+02:00
    da Barbara Gamberini
    L’alloro è soggetto a seccume fogliare - Ultima modifica: 2019-09-03T17:00:53+02:00 da Barbara Gamberini