Le rose da avere in giardino: ‘Albéric Barbier’

Fra le rose che non possono mancare in giardino c'è 'Albéric Barbier', non rifiorente, che in maggio si copre di fiori bianchi a profusione

La rosa ‘Albéric Barbier’ in maggio presenta l’unico, eccezionale spettacolo dell’anno, ammantandosi di centinaia di fiori doppi, bianco avorio, non enormi (7,5 cm di diametro) ma dolcemente profumati.

Nata nel 1900 per mano del vivaista René Barbier, è una rambler (sarmentosa) ideale per coprire ogni tipo di sostegno: cancellate, recinzioni, pergole e gazebo, archi, colonne, tronchi d’albero, tralicci e perfino facciate. L’importante è che abbia spazio: si allarga fino a 3 m, lancia tralci lunghi anche 5 m ed è un peccato doverli sacrificare (anche perché si riduce l’unica fioritura).

Attenzione: i tralci vanno indirizzati e accompagnati sui sostegni (non è una rampicante che fa tutto da sola), fissandoli con legacci morbidi, oppure si possono lasciar ricadere morbidamente al di là di una recinzione o sostegno interni al giardino.

In mezzo al fogliame folto, scuro e lucido in maggio (e solo in maggio) si schiudono dai numerosissimi bocci giallo crema le corolle candide con centro giallo limone, singole o in piccoli mazzi, molto visitate dalle api.

Si adatta bene anche a terreni poveri e a posizioni a mezz’ombra (purché abbia almeno 5 ore di sole giornaliero). Non richiede potature, se non di riordino dal secco o per contenerne l’ingombro. Solo nel primo anno dall’impianto va pacciamata per l’inverno, poi si affranca e non richiede altre cure particolari.

 

(Tratto da "Saper fare" - Pubblicato su Giardinaggio 5/2014)

Le rose da avere in giardino: ‘Albéric Barbier’ - Ultima modifica: 2017-05-08T15:00:00+00:00 da Silviab