I fiori di zucca e di zucchina: la DIFFERENZA fra femminili e maschili

Il video mostra come riconoscere i fiori di zucca maschili da quelli femminili, per prelevare i primi e lasciar sviluppare zucche e zucchine dai secondi

 

Coltivare zucchini e zucche è semplice, e permette di avere in tavola non solo i frutti, ma anche i fiori, fra i più apprezzati in cucina.
I fiori, però, non sono tutti uguali. Esistono quelli femminili e quelli maschili, simili solo esteticamente. Ecco come riconoscerli e raccoglierli senza danneggiare lo sviluppo degli ortaggi.

Fiori di zucca o zucchino: quelli femminili

Sono quelli da cui si sviluppa il frutto: nel caso delle zucchine, queste crescono partendo dalla base del fiore. L’inflorescenza rimane visibile, e si stacca dal frutto solo quando anche quest’ultimo è maturo. È possibile raccoglierli, ma così facendo impedirete alla zucchina di crescere ulteriormente.

La zucca invece è un ingrossamento del fiore, di cui rimane a poco a poco visibile solo la parte superiore del petalo.

Il fiore femminile all’interno ha un pistillo piccolo, di forma arrotondata.

Fiori di zucca o zucchino: quelli maschili

Sia quelli della zucca sia quelli dello zucchino crescono su sottili peduncoli, che non portano alla fruttificazione.

Il pistillo, più lungo e sottile rispetto a quelli dell’altro sesso, trattiene su di sé il polline necessario alla fecondazione.

Quando sono maturi, raggiungono la classica colorazione giallo intenso e possono essere raccolti.

È importante non prelevarli tutti per permettere ai rimanenti la riproduzione e lo sviluppo.

I fiori di zucca in cucina

Sia i fiori femminili sia i maschili sono edibili, ma solitamente è consigliabile consumare solo quelli maschili in modo da ottenere un raccolto sia di fiori sia di frutti.

I fiori di zucca e di zucchina: la DIFFERENZA fra femminili e maschili - Ultima modifica: 2019-05-23T07:29:00+00:00 da Redazione Passione In Verde