2012/07/carote_ba3d2106.jpg
Le carote si possono conservare a lungo, senza perdere qualità.
Come conservare le carote, quali proprietà nutrizionali hanno, la ricetta della torta di carote, i rimedi naturali in erboristeria

Che la carota fosse tenuta in grande considerazione già in epoca romana è attestato dalla sua presenza all’interno degli affreschi di Pompei (I sec. d.C.) ma, scopriamo leggendo i ricettari fitoterapici del Rinascimento, era considerata anche un sicuro rimedio contro epilessia, calcoli renali e altri malanni.

Inoltre pare che le carote andassero a ruba presso le coppie sterili e, una volta avvenuto il concepimento, durante la gravidanza perché si diceva favorissero il parto. Tradizioni popolari a parte, le virtù della carota sono realmente eccezionali.

Proprietà nutrizionali delle carote

La carota è famosa per il contenuto in vitamina A, preziosissima per la salute dei tessuti e per il benessere dell'organismo: si tratta di una vitamina che non va assunta in eccesso, perché si accumula nel tessuto adiposo, provocando fenomeni di intossicazione. Con questa radice il rischio non sussiste, perché si ingerisce un precursore, il betacarotene (ben 1148 mcg/hg), che nell'organismo viene trasformato in vitamina A quando serve, oppure, se non ce n'è bisogno, viene espulso senza accumulo.

Il betacarotene rafforza tutto l'organismo (la vista in particolare); combatte i radicali liberi responsabili dell'invecchiamento, e quindi ostacola la formazione di rughe, le occhiaie, e la caduta di capelli e ciglia; è un antianemico perché aumenta la produzione di globuli rossi, un emolliente delle mucose e della pelle; placa i dolori dovuti a ulcere gastrointestinali e gli arrossamenti cutanei; infine, combatte le malattie dell'apparato respiratorio. Il betacarotene, inoltre, riduce i rischi di tumore ai polmoni (i fumatori, infatti, distruggono la vitamina A) e alcuni cancri della cavità orale.

Altre proprietà della carota derivano dal suo contenuto di glutatione, vitamine B, D, E e PP, aumentando le difese dell’organismo e le capacità di resistenza alle malattie infettive.

Ricca di vitamine, la carota diventa galattogena (facilita la secrezione lattea nelle puerpere), emmenagoga (stimola il flusso mestruale scarso), carminativa (stimola la produzione di succhi gastrici e aiuta la digestione), epatica (tonifica il fegato e ne rigenera le cellule), regolatrice dei livelli di colesterolo, diuretica, purificatrice del sangue (aiuta a innalzare il livello di emoglobina), regolatrice intestinale (cotta, svolge un'azione lenitiva nei confronti dell'apparato digerente e regolarizza le funzioni intestinali).

Contiene un po’ di zuccheri consentiti anche ai diabetici. Il buon contenuto in fibre e pectine la rendono adatta a chi è in sovrappeso, regolando dolcemente l'intestino (soprattutto dopo lessatura), e allontanando anche il rischio di tumori.

Infine apporta una serie di oligoelementi utili, non sempre facilmente reperibili, come selenio, cloro, zinco, iodio, manganese, rame, zolfo, bromo, arsenico.

Come conservare le carote

Le carote possono resistere per diversi mesi se conservate a una temperatura mai inferiore a 0° e ad un’umidità relativa del 90-95%, mantenendo inalterate tutte le proprie caratteristiche organolettiche.

Dopo la loro raccolta, quindi, consigliamo di eliminare tutte le foglie operando una torsione manuale e di conservarle in sacchetti forati di polietilene in un locale privo di mele e altri frutti (altrimenti le carote assumono un sapore amaro a causa dell’etilene). In questo modo le carote si conserveranno per circa 3 mesi.

Un’alternativa è l’antica conservazione nella sabbia. Si procede privando le carote delle foglie e interrandole fino a un centimetro dalla corona in cassette di sabbia appena umida che andranno poi poste in locali freschi.

La ricetta: torta di carote

Crude o cotte, le carote conservano le proprie caratteristiche in quanto i caroteni sono resistenti al calore. Nonostante le carote siano più caloriche degli altri ortaggi (33 kcal per 100 gr di prodotto), esse sono molto indicate nelle diete dimagranti per i loro effetti diuretici.

Vi consigliamo di provare questa ricetta di torta di carote, ottima se conservata qualche giorno prima del suo consumo.

Ingredienti:
300 gr di carote crude
250 gr di mandorle macinate
5 tuorli
5 albumi
200 gr zucchero
8 cucchiai di pangrattato
4 cucchiai di acqua calda
1 bustina di lievito vanigliato
1 cucchiaino di cannella macinata
1 bicchierino di rum
buccia grattugiata di un limone
un pizzico di sale
burro per ungere la tortiera
zucchero al velo

Preparazione:

Pulire e grattugiare finemente le carote.
Sbattere i tuorli con l'acqua calda aggiungendo a pioggia lo zucchero fino ad ottenere una crema spumosa.
Montare a parte gli albumi con il sale ed unirli ai tuorli. Aggiungere, continuando a montare, le carote, le mandorle, il pangrattato, il lievito in polvere, la cannella, il rum, la scorza di limone grattugiata. Ungere con burro la tortiera e versarvi il composto ottenuto. Infornare in forno preriscaldato a 180° per circa un’ora.
A cottura ultimata lasciare raffreddare e cospargere con lo zucchero al velo.

2011/11/carote%20web.jpg
Mangiare carote in abbondanza fa solo bene!

I rimedi naturali con le carote

Essendo l’ortaggio dolce di natura, non è necessario dolcificare i preparati.

  • Come ricostituente e antianemico: due bicchieri al giorno di succo centrifugato bevuti a stomaco vuoto (non necessariamente la mattina) per un mese.
  • Contro la gotta o i reumatismi: un bicchiere di succo la mattina a digiuno per almeno 15 giorni.
  • Per depurare il fegato: lessate due carote grattugiate in un litro d'acqua, filtrate e bevetene due-tre tazze al giorno, per tre settimane.
  • Contro il mal di gola: un bicchiere di succo con un cucchiaio di miele e il succo di mezzo limone, ripetendo per tre volte al giorno.
  • Per placare la raucedine o la tosse: bollite 200 g di carote intere in mezzo litro d'acqua, schiacciatele e mescolatele all'acqua di cottura, mangiatele tiepide due volte al giorno.

 

(tratto da "Carota, e la vita diventa dolce", di E. Tibiletti, Giardinaggio n.10, 2012)

Conservazione, proprietà e rimedi naturali con le carote - Ultima modifica: 2019-05-28T07:34:00+00:00 da Simona Monterosso